La scienza si mette in gioco e diverte tutti grazie all’associazione Abacus. Appuntamento a domani

La scienza si mette in gioco e diverte tutti grazie all’associazione Abacus. Appuntamento a domani

Di Daniele De Bartolo, Bari – Parlare di eventi in questo periodo è pericoloso come parlare di corda in casa dell’impiccato. Lo sappiamo tutti benissimo che questa pandemia ci ha tolto la possibilità di andare al cinema, a teatro, a seguire un concerto, di vedere con tranqullità i nostri amici. Ma per fortuna ci sono delle mosche bianche, dei piccoli spiragli di normalità in questo 2020 che ci ha abituato a riscrivere le categorie di normalità. Parliamo de La Scienza in Gioco organizzato dall’associazione Abacus.

Abacus nasce ben quattro anni fa dall’intuizione del suo presidente di unire due sue grandi passioni che non sempre hanno avuto un matrimonio felice ovvero da una parte la scienza e dall’altro i giochi da tavolo. Non solo la scienza e i giochi da tavolo non sempre hanno marciato insieme ma proprio il concetto di scienza e di sua divulgazione in maniera semplice, fruibile a quante più persone possibile, spesso viene considerato un paradosso, un’idea da cui scappare a gambe levate.

Ma l’associazione Abacus ci crede in questo progetto, crede fortemente nell’idea che concetti scientifici anche molto complicati possano essere assimilati meglio, possano arrivare a quanta più gente possibile, se le persone si divertono. Ovviamente la strada era tutta in salita perchè non ci sono giochi che permettono di fare tutto questo. E allora la prima fase è stata quella di partire da alcuni iochi da tavolo, soprattutto inglesi, per riadattarli per farne un uso educativo senza ovviamente tralasciare il loro scopo ludico. Il progetto è partito dalle scuole andando a portare prima un approfondimento teorico esplicativo dell’argomento da trattare per poter al meglio comprendere, e quindi divertirsi, il gioco da tavola che occupava la seconda ora del progetto.

 

I temi dei giochi sono tra i più vari. Spaziano da creare la giusta linea del tempo di scoperte e invenzioni a costruire una cellula con tutti i suoi organelli, da replicare una catena di dna a farsi strada nell’evoluzione scegliendo di essere carnivori erbivori, sviluppando determinate caratteristiche. Nel gioco si può essere chi si vuole, non c’è limite alla fantasia, si può anche diventare un virus e cercare di combattere i vaccini e accumulare parti di cellula. L’idea è piaciuta così tanto che questo progetto è uscito dalle scuole per coinvolgere anche i più grandi, perchè non solo i ragazzi hanno voglia di giocare e imparare. Si sono creati tornei in cui i partecipanti potevano sperimentare le loro conoscenze scientifiche, o apprenderne di nuove, divertendosi. L’evento che si terrà domani pomeriggio ha come scopo quello di unire grandi e piccoli attorno ad un tavolo per imparare divertendosi. Ovviamente la situazione sanitaria impone delle regole che saranno decisamente rispettate dagli organizzatori e dai partecipanti. Del resto chi più di chi ama i giochi da tavolo sa che per divertirsi occorre rispettare delle regole.

L’appuntamento è quindi per domani pomeriggio dalle 16:30 presso Nati Curiosi Steam Center, in via Lucarelli a Bari, per il secondo appuntamento organizzato dall’associazione Abacus all’interno del programma della Rete Civica Urbana Picone Poggiofranco.  Per informazioni potete contattare l’associazione Abacus al numero telefonico 3296110975 o via mail a abacusbari@gmail.com o sulla loro pagina facebook.
Siete pronti a sfidarvi imparando?

COMMENTS