Calcio: il Lecce perde ancora con il Verona. In serie C fa punti solo il Bisceglie. In serie D Taranto-Brindisi finisce 0 a 1

Calcio: il Lecce perde ancora con il Verona. In serie C fa punti solo il Bisceglie. In serie D Taranto-Brindisi finisce 0 a 1

di Rogero Paci, Bari – Seconda sconfitta consecutiva in campionato per il Lecce, che tra le mura amiche cede di misura al Verona. Al Via del Mare non si respirava aria di serie A da oramai sette anni e i più di 20000 tifosi accorsi allo stadio salentino hanno però dovuto veder soccombere i giallorossi per il gol dell’ex Pessina, arrivato all’80’. Mossa azzeccata dell’allenatore gialloblu Juric, che aveva fatto subentrare il centrocampista poco prima.

Gli uomini di Liverani possono recriminare per alcune occasioni avute durante tutta la partita, ma nel complesso non impegnano mai sul serio il portiere scaligero Silvestri, che tocca il primo vero pallone solo all’87 allungandosi per deviare un tiro di Mancosu destinato all’angolino basso. Prima del gol, proteste dei giallorossi per un tocco di mani ravvicinato in area gialloblu, ma l’arbitro Sacchi, su suggerimento del Var, lascia correre. Il volume di gioco prodotto dai giallorossi non è bastato però a mettere sotto un ordinato Verona.

Dopo la sosta per le nazionali, il Lecce è chiamato ad affrontare un calendario di ferro: tolta la Spal alla quinta giornata, i salentini affronteranno nell’ordine Torino, Napoli, Roma, Atalanta, Milan e Juventus. Era importante battere il Verona, squadra diretta concorrente per la permanenza in serie A, ma la maggiore freschezza degli scaligeri ha fatto la differenza.

Giornata difficile per le squadre pugliesi in serie C. Fa punti solo il Bisceglie che conquista un prezioso punto in casa con il più blasonato Catanzaro. Dopo essere andato in vantaggio nel primo tempo, i neroazzurri si fanno raggiungere dai calabresi a metà del secondo tempo.

Cade in casa il Bari contro la Viterbese. I biancorossi cedono alla maggiore freschezza dei laziali, che approfittano di tutti i gravi errori difensivi degli uomini di Cornacchini e infilano per tre volte in contropiede l’incolpevole portiere Frattali. Il Bari segna solo su rigore, trasformato dal bomber Mirko Antenucci, per il provvisorio pareggio. C’è probabilmente troppo nervosismo tra le fila dei galletti, dopo le esternazioni in settimana del difensore Di Cesare che aveva invitato i giornalisti a non criticare troppo la squadra, e del patron De Laurentiis, che se l’era presa con i tifosi per i soli 7000 abbonamenti sottoscritti finora. Sul banco degli imputati potrebbero finire anche il mister Cornacchini e le sue scelte tecniche, ma siamo solo alla seconda giornata e c’è sicuramente tutto il tempo per rifarsi.

Meno clamorose le sconfitte di uno sfortunato Monopoli, che nell’anticipo del sabato perde fuori casa contro la Paganese con un gol subito per tempo. E del Virtus Francavilla, che va in vantaggio a Catania ma è poi costretto ad uscire sconfitto di misura dallo stadio Massimino. Buona prova comunque dei brindisini che dopo un difficile calendario iniziale (Reggina e Catania) saranno chiamati a fare punti nella prossima partita casalinga con la Casertana.

E’iniziato ieri il campionato nazionale dilettanti, che vede impegnate nel girone H undici squadre pugliesi. Il derby dei capoluoghi Taranto-Brindisi, che ha visto il divieto di trasferta per i tifosi ospiti,  finisce 1 a 0 per i brindisini. Perde nei minuti finali il Foggia in casa del Fasano. Perdono anche Fidelis Andria e Altamura fuori dalle mure amiche. Vincono invece Bitonto, in trasferta, e il Gravina in casa contro il Nardò. Finisce infine senza reti il derby tra l’Audace Cerignola e il Casarano.

COMMENTS