Più di 500 studenti a Bari per le Finali Nazionali di Pallavolo dei tornei studenteschi

Più di 500 studenti a Bari per le Finali Nazionali di Pallavolo dei tornei studenteschi

Di Francesca Emilio, Bari – Dal 14 al 18 maggio Bari è stata investita da un’onda di giovani atleti impegnati nelle Finali Nazionali dei Campionati studenteschi di Pallavolo dell’anno 2018/19.

Più di cinquecento ragazzi e ragazze, provenienti da scuole di istruzione secondaria di secondo grado di venti regioni d’Italia, hanno popolato il capoluogo pugliese affrontandosi in cinque diverse sedi – tra queste, oltre al PalaFlorio, dove hanno avuto sede le finali, anche l’IISS “Elena di Savoia-Calamandrei, la Palesra LS Fermi, la sede succursale dell’IPSIA Santarella, la Palestra IISS Euclide e ITES Lenoci – con l’obiettivo di tornare a casa con un premio ambito.

L’evento – inaugurato con una cerimonia di apertura, tenutasi in uno spazio adiacente al Teatro Petruzzelli  il 14 maggio e organizzato in partnership con ANCI, CONI, FIPAV, Regione Puglia, Città metropolitana, Comune di Bari, AA.MM., Protezione civile, Aeroporti di Puglia, Coldiretti oltre che con gli istituti già citati, più l’IISS “De Nittis-Pascali”, IISS “Romanazzi” di Bari, Liceo “S. Benedetto” di Conversano (BA), IISS “Virgilio Marone” di Vico del Gargano (FG), IISS “Giannelli” di Parabita (LE), DD “I° grado-Pascoli” di Margherita di Savoia (BT), IISS “Marzolla-Simone-Durano” di Brindisi, IC “Don Bosco” di Grottaglie (TA) – ha visto scendere sui campi degli istituti pugliesi due squadre per regione, una maschile e una femminile, con ventotto studenti per regione, nel dettaglio, che hanno preso parte a questa iniziativa che, come obiettivo, aveva quello di puntare sulla dignità dello sport all’interno del sistema educativo e sulla scuola come punto di riferimento chiave.

Quello delle Finali Nazionali dei Campionati di Pallavolo è stato senza dubbio un momento di incontro, di crescita e di formazione che ha offerto l’opportunità a più di 500 giovani di confrontarsi e misurarsi in uno sport affascinante ed entusiasmante come la pallavolo che, ormai, da qualche anno, sta appassionando sempre più adulti, ragazzi e ragazze e ha visto, nella giornata del 17 maggio, un PalaFlorio gremito di gente pronto a supportare e sostenere i giovani atleti e le giovani atlete. Un’opportunità, quella delle Finali Nazionali, che non solo ha offerto ai giovani atleti la possibilità di sfidarsi in questa affascinante attività sportiva, ma ha anche offerto a noi della redazione di What’s up in Puglia l’opportunità di riflettere su una realtà del nostro territorio.

Curioso che, infatti, ad essere sorteggiato, sia stato proprio il capoluogo pugliese, città in cui, soprattutto nelle zone più periferiche, diverse scuole sono sprovviste di spazi adibiti all’uso palestra – per esempio la succursale dell’Istituto comprensivo U.Fraccacreta  – e molte società sportive si contendono spesso gli spazi dovendo cercare compromessi per riuscire ad avere orari consoni sia in strutture omologate, sia in strutture scolastiche. Basti pensare che solo dieci giorni fa circa è stata posata la prima pietra per la costruzione della palestra nella scuola Galilei di Bari, in modo tale che gli alunni non debbano più spostarsi nel plesso Massari per poter fare l’ora di educazione fisica. Un caso analogo, seppur diverso poiché riguardante una struttura comunale è quello del Palazzetto Sante Scarcia del quartiere San Pio, unica struttura sportiva presente nel V Municipio per quanto concerne la pratica di sport agonistici come basket e pallavolo.

I passi da fare sono molti, la speranza è che, una manifestazione che ha come fine quello di “puntare sulla dignità dello sport all’interno del sistema educativo e sulla scuola come punto di riferimento chiave”  possa sottolineare in modo più incisivo quanto sia importante lavorare affinché tutti i luoghi pubblici siano provvisti di strutture adibite alla pratica sportiva agonistica e non affinché bambini, bambine, ragazzi e ragazze, possano misurarsi con quelle consapevolezze, quei valori e quei principi che solo e soprattutto chi pratica sport riesce ad interiorizzare e a mantenere vivi nel tempo.

Intanto complimenti ai nostri studenti e alle nostre studentesse pugliesi che nel settore femminile hanno conquistato l’ottavo posto (Liguria, Piemonte, Sicilia e Friuli Venezia Giulia si sono guadagnate rispettivamente dal primo al quarto posto) mentre per il settore maschile hanno conquistato il quarto posto subito dopo Sicilia, Marche e Lombardia.

 

Photo Credist: A cura dei ragazzi di Radio Panetti – https://www.facebook.com/Campionati-Studenteschi-Finali-Nazionali-Pallavolo-Bari-2019-638982986529166/

COMMENTS (1)

  • comment-avatar
    Alessandra 20 Maggio 2019

    Grandi i nostri ragazzi!! Che sia garantito il diritto allo sport sempre e nel modo più completo!!!